Il nostro 25 aprile

La celebrazione del 25 aprile, che cade domani, è stata per anni patrimonio di moltissimi Italiani, ma non di tutti.
Sarebbe tempo, a 74 anni dalla Liberazione, che essa – come già in Francia accadde per il 14 luglio, oggi riconosciuto dall’intero paese da Marine Le Pen a Jean-Luc Mélenchon – unisse i cittadini italiani tutti a difesa della sovranità popolare contro i fascismi vecchi e nuovi.
Ragazzotti che non hanno conosciuto il ventennio fascista nemmeno si rendono conto di quale bestialità commettano nel manifestarne nostalgia.
Ma i fascismi più pericolosi sono mimetizzati oggi in forme subdole. Sono quelli a minacciare la sovranità popolare dell’Italia come di ogni paese. Essi promanano dai centri di potere oligarchici transnazionali nemici dei popoli che mirano a depredare e a rendere sudditi, e tuttavia non manca nemmeno da noi qualche collaborazionista pronto a servirli.
Contro i fascismi vecchi e nuovi il 25 aprile abbia una sola bandiera, quella dell’Italia. In alto il tricolore, anche a Bagnolo in Piano!

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...